Secondo la tradizione ebraica e cristiana, prima della diffusione del metodo critico applicato alla Bibbia, il libro della Genesi sarebbe stato scritto da Mosè in persona nel deserto e fu completato nel 1513 a.C. Questa opinione è mantenuta tuttora da alcune confessioni religiose cristiane più legate all'interpretazione letterale del testo biblico e dall'ebraismo ortodosso 12 Giuseppe diede il sostentamento al padre, ai fratelli e a tutta la famiglia di suo padre, fornendo pane secondo il numero dei bambini. 6 Disse dunque loro: «Ascoltate questo sogno che ho fatto. 4 Dopo aver generato Set, Adamo visse ancora ottocento anni e generò figli e figlie. 13 Ma io farò diventare una grande nazione anche il figlio della schiava, perché è tua prole». 10 Questi sono i nomi dei figli di Esaù: Elifaz, figlio di Ada, moglie di Esaù; Reuel, figlio di Basemat, moglie di Esaù. 6 Perché gia da due anni vi è la carestia nel paese e ancora per cinque anni non vi sarà né aratura né mietitura. 6 Israele disse: «Perché mi avete fatto questo male, cioè far sapere a quell'uomo che avevate ancora un fratello?». 5 Chiamarono Lot e gli dissero: «Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? 29 Abram e Nacor si presero delle mogli; la moglie di Abram si chiamava Sarai e la moglie di Nacor Milca, ch'era figlia di Aran, padre di Milca e padre di Isca. 33 Per questo gli Israeliti, fino ad oggi, non mangiano il nervo sciatico, che è sopra l'articolazione del femore, perché quegli aveva colpito l'articolazione del femore di Giacobbe nel nervo sciatico. 5 Ma se tu non lo lasci partire, noi non ci andremo, perché quell'uomo ci ha detto: Non verrete alla mia presenza, se non avrete con voi il vostro fratello!». 20 Non abbiate rincrescimento per la vostra roba, perché il meglio di tutto il paese sarà vostro». 12 Prendete con voi doppio denaro, il denaro cioè che è stato rimesso nella bocca dei vostri sacchi lo porterete indietro: forse si tratta di un errore. 23 Essa concepì e partorì un figlio e disse: «Dio ha tolto il mio disonore». Abramo sarebbe nato dopo il diluvio, secondo l'ebraico 290 anni, secondo il samaritano 940, secondo i LXX 1070. 13 Parlò ad Efron, mentre lo ascoltava la gente del paese, e disse: «Se solo mi volessi ascoltare: io ti do il prezzo del campo. 23 Non sapevano che Giuseppe li capiva, perché tra lui e loro vi era l'interprete. E Dio vide che era cosa buona. 58 Chiamarono dunque Rebecca e le dissero: «Vuoi partire con quest'uomo?». 36 Riprese: «Forse perché si chiama Giacobbe mi ha soppiantato gia due volte? 8 Prese latte acido e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse a loro. 34 Poi morì Iobab e regnò al suo posto Usam, del territorio dei Temaniti. 31 Questi sono i re che regnarono nel paese di Edom, prima che regnasse un re degli Israeliti. 26 Rispose Làbano: «Non si usa far così nel nostro paese, dare, cioè, la più piccola prima della maggiore. 7 Quando i figli di Giacobbe tornarono dalla campagna, sentito l'accaduto, ne furono addolorati e s'indignarono molto, perché quelli aveva commesso un'infamia in Israele, unendosi alla figlia di Giacobbe: così non si doveva fare! 3 Si dissero l'un l'altro: «Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco». 15 Il faraone disse a Giuseppe: «Ho fatto un sogno e nessuno lo sa interpretare; ora io ho sentito dire di te che ti basta ascoltare un sogno per interpretarlo subito». Non c'è nessun'altra storia così vecchia. Ho mandato ad informarne il mio signore, per trovare grazia ai suoi occhi». 18 Ma con te io stabilisco la mia alleanza. 17 Tutti gli animali d'ogni specie che hai con te, uccelli, bestiame e tutti i rettili che strisciano sulla terra, falli uscire con te, perché possano diffondersi sulla terra, siano fecondi e si moltiplichino su di essa». 4 Renderò la tua discendenza numerosa come le stelle del cielo e concederò alla tua discendenza tutti questi territori: tutte le nazioni della terra saranno benedette per la tua discendenza; 5 per il fatto che Abramo ha obbedito alla mia voce e ha osservato ciò che io gli avevo prescritto: i miei comandamenti, le mie istituzioni e le mie leggi». Non temere, perché Dio ha udito la voce del fanciullo là dove si trova. 4 Dio vide che la luce era cosa buona e Dio separò la luce dalle tenebre. 11 Accetta il mio dono augurale che ti è stato presentato, perché Dio mi ha favorito e sono provvisto di tutto!». 22 Il Signore Dio disse allora: «Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male. 26 Disse poi: Canaan sia suo schiavo! Le scienze antropologiche sembrano esigere, per il formarsi e diffondersi delle razze umane, un tempo assai maggiore di quello che la Bibbia assegna ai tre periodi esposti. 1 Al tempo di Amrafel re di Sennaar, di Arioch re di Ellasar, di Chedorlaomer re dell'Elam e di Tideal re di Goim, 2 costoro mossero guerra contro Bera re di Sòdoma, Birsa re di Gomorra, Sinab re di Adma, Semeber re di Zeboim, e contro il re di Bela, cioè Zoar. Soltanto i terreni dei sacerdoti non divennero del faraone. 9 Giuseppe disse al padre: «Sono i figli che Dio mi ha dati qui». 7 Maledetta la loro ira, perché violenta, e la loro collera, perché crudele! 5 Poi si addormentò e sognò una seconda volta: ecco sette spighe spuntavano da un unico stelo, grosse e belle. 2 Allora Giacobbe disse alla sua famiglia e a quanti erano con lui: «Eliminate gli dei stranieri che avete con voi, purificatevi e cambiate gli abiti. 5 Del sangue vostro anzi, ossia della vostra vita, io domanderò conto; ne domanderò conto ad ogni essere vivente e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo, a ognuno di suo fratello. 56 Rispose loro: «Non trattenetemi, mentre il Signore ha concesso buon esito al mio viaggio. Il genero, i tuoi figli, le tue figlie e quanti hai in città, falli uscire da questo luogo. 2 Allora Abramo disse al suo servo, il più anziano della sua casa, che aveva potere su tutti i suoi beni: «Metti la mano sotto la mia coscia 3 e ti farò giurare per il Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che non prenderai per mio figlio una moglie tra le figlie dei Cananei, in mezzo ai quali abito, 4 ma che andrai al mio paese, nella mia patria, a scegliere una moglie per mio figlio Isacco». Sarai allora la maltrattò tanto che quella si allontanò. 27 Perché sei fuggito di nascosto, mi hai ingannato e non mi hai avvertito? 26 Intanto Abimèlech da Gerar era andato da lui, insieme con Acuzzat, suo amico, e Picol, capo del suo esercito. 26 E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». Quando Giuda ebbe finito il lutto, andò a Timna da quelli che tosavano il suo gregge e con lui vi era Chira, il suo amico di Adullam. Il servo rispose: «E' il mio padrone». - Si riprende il tema della creazione, ma concentrando tutta l'attenzione sull'uomo e suoi destini. 22 Così il dono passò prima di lui, mentr'egli trascorse quella notte nell'accampamento. Costui è il padre dei Moabiti che esistono fino ad oggi. 28 E' appunto ciò che ho detto al faraone: quanto Dio sta per fare, l'ha manifestato al faraone. Il suo valore sta nella sostanza, che, pur nella sua tragica catastrofe, dà la consolante assicurazione del finale trionfo del seme della donna sul serpente infernale. 14 Giacobbe rimase in quel luogo a passare la notte. E tuttora si scrive. 19 E chiamò quel luogo Betel, mentre prima di allora la città si chiamava Luz. 25 Ma il terzo giorno, quand'essi erano sofferenti, i due figli di Giacobbe, Simeone e Levi, i fratelli di Dina, presero ciascuno una spada, entrarono nella città con sicurezza e uccisero tutti i maschi. Essa rispose: «Andrò». 9 Un giovane leone è Giuda: dalla preda, figlio mio, sei tornato; si è sdraiato, si è accovacciato come un leone e come una leonessa; chi oserà farlo alzare? Siano così messe alla prova le vostre parole, per sapere se la verità è dalla vostra parte. 15 Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno». 35 Essa parlò al padre: «Non si offenda il mio signore se io non posso alzarmi davanti a te, perché ho quello che avviene di regola alle donne». Allora distribuì i figli tra Lia, Rachele e le due schiave; 2 mise in testa le schiave con i loro figli, più indietro Lia con i suoi figli e più indietro Rachele e Giuseppe. 24 Poi congedò i fratelli e, mentre partivano, disse loro: «Non litigate durante il viaggio!». 32 L'età della vita di Terach fu di duecentocinque anni; Terach morì in Carran. La Bibbia specifica che il mondo fu creato in sette giorni e questa indicazione fu considerata un tempo in senso letterale. 38 Vent'anni ho passato con te: le tue pecore e le tue capre non hanno abortito e i montoni del tuo gregge non ho mai mangiato. 25 Ismaele suo figlio aveva tredici anni quando gli fu circoncisa la carne del membro. 20 Se voi avevate pensato del male contro di me, Dio ha pensato di farlo servire a un bene, per compiere quello che oggi si avvera: far vivere un popolo numeroso. 12 Ma egli disse loro: «No, voi siete venuti a vedere i punti scoperti del paese!». 4 Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! 24 Circa tre mesi dopo, fu portata a Giuda questa notizia: «Tamar, la tua nuora, si è prostituita e anzi è incinta a causa della prostituzione». Abramo riceve la promessa di numerosa posterità e si rende insigne per la sua fede e ubbidienza agli ordini celesti. 5 Nell'anno quattordicesimo arrivarono Chedorlaomer e i re che erano con lui e sconfissero i Refaim ad Astarot-Karnaim, gli Zuzim ad Am, gli Emim a Save-Kiriataim 6 e gli Hurriti sulle montagne di Seir fino a El-Paran, che è presso il deserto. 20 Allora Giuseppe acquistò per il faraone tutto il terreno dell'Egitto, perché gli Egiziani vendettero ciascuno il proprio campo, tanto infieriva su di loro la carestia. 34 E disse: «Io sono un servo di Abramo. 11 Noi siamo tutti figli di un solo uomo. 8 Esaù comprese che le figlie di Canaan non erano gradite a suo padre Isacco. 26 Dammi le mogli, per le quali ti ho servito, e i miei bambini perché possa partire: tu conosci il servizio che ti ho prestato». Al tempo fissato tornerò da te alla stessa data e Sara avrà un figlio». I figli di Giacobbe furono dodici. Renan aveva scritto con saggia misura: “Il vero è che la bella pagina con cui si apre la Genesi non è né dotta alla maniera della scienza moderna, né ingenua alla maniera delle cosmogonie pa­gane. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della vita, ne mangi e viva sempre!». 13 Zàbulon abiterà lungo il lido del mare e sarà l'approdo delle navi, con il fianco rivolto a Sidòne. 16 Allora mandarono a dire a Giuseppe: «Tuo padre prima di morire ha dato quest'ordine: 17 Direte a Giuseppe: Perdona il delitto dei tuoi fratelli e il loro peccato, perché ti hanno fatto del male! 15 Giacobbe chiamò Betel il luogo dove Dio gli aveva parlato. 22 Ora i figli si urtavano nel suo seno ed essa esclamò: «Se è così, perché questo?». 2 Porrò la mia alleanza tra me e te e ti renderò numeroso molto, molto». 50 Se tu maltratterai le mie figlie e se prenderai altre mogli oltre le mie figlie, non un uomo sarà con noi, ma bada, Dio sarà testimonio tra me e te». Allora Giuseppe andò in cerca dei suoi fratelli e li trovò a Dotan. 18 Ma appena io ho gridato e ho chiamato, ha abbandonato la veste presso di me ed è fuggito fuori». 13 Io sono il Dio di Betel, dove tu hai unto una stele e dove mi hai fatto un voto. Così vedremo che ne sarà dei suoi sogni!». Voi siete venuti a vedere i punti scoperti del paese». Ritenendo Hammurabi, della 3ª dinastia di Babilonia, come contemporaneo di Abramo (secondo la comune e probabile sentenza), si potrebbe anche per questa durata paragonare la cronologia babilonese eon la biblica. 19 Lamech si prese due mogli: una chiamata Ada e l'altra chiamata Zilla. 18 Giacobbe arrivò sano e salvo alla città di Sichem, che è nel paese di Canaan, quando tornò da Paddan-Aram e si accampò di fronte alla città. Ma Isacco taceva ed Esaù alzò la voce e pianse. 18 Passato quell'anno, vennero a lui l'anno dopo e gli dissero: «Non nascondiamo al mio signore che si è esaurito il denaro e anche il possesso del bestiame è passato al mio signore, non rimane più a disposizione del mio signore se non il nostro corpo e il nostro terreno. 28 Uno partì da me e dissi: certo è stato sbranato! 18 Mentre esalava l'ultimo respiro, perché stava morendo, essa lo chiamò Ben-Oni, ma suo padre lo chiamò Beniamino. 34 Quando Esaù ebbe quarant'anni, prese in moglie Giudit, figlia di Beeri l'Hittita, e Basemat, figlia di Elon l'Hittita. 31 Alzatisi di buon mattino, si prestarono giuramento l'un l'altro, poi Isacco li congedò e partirono da lui in pace. 13 Allora essi dissero: «Dodici sono i tuoi servi, siamo fratelli, figli di un solo uomo, nel paese di Canaan; ecco il più giovane è ora presso nostro padre e uno non c'è più».