32, commi 2 e 3, del d.lgs. Con tali misure organizzative si affronta il momento emergenziale, cessato il quale anche il rito del lavoro rientrerà nel suo alveo naturale nel rispetto del carattere precipuamente orale ad esso proprio. Per il periodo dal 9 marzo al 15 aprile (termine ora prorogato all’11 maggio[3]) si stabilisce che le udienze civili siano rinviate d’ufficio, fatta eccezione per i procedimenti cautelari e urgenti come indicati al comma 3 lettera a) e, in genere, per quelli la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti[4]. In tal caso, si chiarisce all’art. Altra questione che la nuova disciplina pone è quella legata al termine per il deposito del provvedimento da rendersi “fuori udienza”, nessuna indicazione fornendo, a riguardo, la normativa dell’emergenza. n. 18/2020 le note scritte costituiscono il mezzo per soddisfare l’onere di partecipazione delle parti, per consentire la loro comparizione figurata. 1) note scritte, da denominarsi “note di trattazione scritta” (o dicitura similare), contenenti istanze e conclusioni, redatte nel rispetto dei principi di sinteticità e chiarezza, con un iniziale prospetto di sintesi dell’oggetto e della tipologia delle istanze (ad es. SOMMARIO: 1. Naturalmente l’atto principale saranno le note stesse. L’espressione adoperata dal legislatore dell’emergenza, che delinea una trattazione della lite sulla falsariga del disposto dell’art. Nel caso di trattazione scritta sembrerebbe comunque necessaria la fissazione di termini specifici e, quindi, non dovrebbero valere gli ordinari termini di cui all’art. 429 c.p.c. (Cass., 18 giugno 1991, n. 6888). - 3. uove misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia civile, penale, tributaria e militare, >>, abrogando, al comma 22, gli articoli 1 e 2 del decreto-legge 8 marzo 2020, n. 11. Qualora la costituzione avvenga per l'udlenza , in forma esclusivamente telematica, il giudice a seguito di udienza virtuale,se procederà a breve rinvio per le note .1n caso di … Slpct – Guida all'uso Pag.17 di 71 Evoluzioni Software s..n.c. 3.7 Keystore PKCS11 Questa voce è presente solo sui sistemi operativi Windows. [9] Cfr., sul punto, il decreto 13 marzo 2020 del Presidente della Corte d’appello di Milano anche se adottato in ottemperanza alla precedente disciplina dell’art. Personalmente, non ho mai capito fino in fondo la mania di molti colleghi di cercare, a tutti i costi, un modello per quello che c’è volta in volta da fare, anche per le cose più semplici. Si potrebbe ritenere che la necessaria presenza del consulente tecnico d’ufficio in udienza, per il prescritto giuramento, sia circostanza ostativa all’applicazione della misura della “trattazione scritta”, consentita per le sole udienze, civili che non richiedono la presenza di soggetti diversi dai difensori delle parti. 429 o 430 c.p.c.. Seguendo invece il diverso indirizzo favorevole al deposito “fuori udienza” della sentenza per esteso, dovrebbe escludersi l’applicazione delle citate disposizioni. n. 11 del 8 marzo 2020 ... “scambio” e “deposito” di note scritte. (per il primo grado) e all’art. necessarie per consentire il rispetto delle indicazioni igienico-sanitarie e delle prescrizioni adottate in materia, al fine di evitare assembramenti all’interno dell’ufficio giudiziario e contatti ravvicinati tra le persone. https://giustiziainsieme.it/it/news/117-main/diritto-dell-emergenza-covid-19/916-l-udienza-civile-ai-tempi-del-coronavirus-comparizione-figurata-e-trattazione-scritta-art-2-comma-2-lettera-h-decreto-legge-8-marzo-2020-n-11, . 10 Trattazione scritta per le udienze di discussione. 281 sexies c.p.c. Note di udienza è un'applicazione web per la redazione delle deduzioni difensive degli avvocati finalizzata a semplificarne l'importazione sulla "consolle magistrato". 431 c.p.c.) 427 c.p.c. [1] Il D.L. 17 marzo 2020, n. 18, recante “Misure di potenziamento del SSN e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2020, ed è entrato in vigore lo stesso giorno. Tale soluzione è supportata dall’interpretazione teleologica della disposizione, essendo infatti intenzione del legislatore, come emerge dalla rubrica dell’art. Le istruzioni di questo paragrafo riguardano pertanto solo gli utenti … Se nessuno dubita che la lettura in udienza del dispositivo sia di fatto preclusa adottando la disciplina della lettera h), sarebbe conseguenziale concludere che anche la sua materiale (autonoma) redazione, nell’udienza c.d. 1, co. 47, legge 92/2012. La formula adoperata dal legislatore (“svolgimento delle udienze civili che non richiedono la presenza di soggetti diversi dai difensori delle parti mediante lo scambio e il deposito in telematico di note scritte contenenti le sole istanze e conclusioni, e la successiva adozione fuori udienza del provvedimento del giudice”), e l’utilizzo della virgola per separare l’ultima locuzione, consentono di ritenere che l’adozione fuori udienza del provvedimento non sia presupposto di applicazione della misura di cui alla lett. 83. 281-, Non sembra, infine, percorribile la strada di considerare, per il deposito della sentenza “. IX civile – proc. 83 co. 7 lettera h). [2] Così, quasi testualmente, la relazione illustrativa sull’art. Propenderei per la soluzione affermativa, dovendosi guardare agli adempimenti da effettuarsi in concreto alla data udienza non all’astrattezza della previsione normativa dell’art. Sotto altro profilo, giova evidenziare che, una volta disposta la trattazione scritta a sensi della lettera h), non dovrebbero poter operare le disposizioni degli artt. 420 c.p.c. “…vengano sostituite dal deposito di conclusioni in via telematica entro la data dell'udienza, e, mancando la discussione, dal deposito di note scritte ed eventuali repliche, con deposito telematico del dispositivo entro dieci giorni dalla scadenza dell'ultimo termine”. Modalità di deposito delle Note di Trattazione Scritta con SLpct https://slpct.wordpress.com/2020/05/31/note-di-trattazione-scritta/ 8) Per evitare che il mancato deposito delle "note di trattazione scritta" da parte di tutte le parti costituite possa essere interpretato come equivalente alla mancata comparizione delle parti in udienza ai sensi degli art.li 309 et 181 c.p.c., i difensori delle parti interessate al prosieguo del processo depositano Occorre chiedersi cosa si intenda per “…successiva adozione fuori udienza del provvedimento” e, indi, valutare se tale “provvedimento” coincida con il dispositivo o con la sentenza per esteso. Il provvedimento fuori udienza: deposito del dispositivo. 348 c.p.c., la quale prevede, in ossequio al principio dispositivo, l’emissione di pronuncia di improcedibilità in conseguenza dell’inerzia dell’appellante che, non comparendo alla prima udienza di discussione e a quella, successiva, fissata a sensi della citata disposizione, manifesta con ciò la volontà di non voler più “coltivare” il giudizio. 281 sexies cpc, svolta in forma scritta ex art. Ritenendo di fare cosa gradita ai colleghi, allego modello di note per la trattazione scritta (alcuni elementi da inserire sono essenziali) che, ovviamente, andranno personalizzate caso per caso con le relative istanze. n. 11/2020. Note di Trattazione Scritta. 18/2020, e sua compatibilità col rito del lavoro. 281-quinquies c.p.c. Note di trattazione scritta ex art.83 c.7 lett.h) D.L. 430 c.p.c., che fa riferimento per il primo grado e per l’appello (cfr. Evoluzioni Software s.n.c. Art. 1 co. 57-60 L. 28 giugno 2012, n. 92). Per le presumibili difficoltà a realizzare lo svolgimento delle udienze civili mediante collegamenti “da remoto”, ai sensi del comma 7, lett. 281-, In tale prospettiva, potrebbe ragionevolmente sostenersi che il provvedimento con cui si dispone la trattazione scritta determina -per l’esigenza, motivata dall’emergenza epidemiologica in atto, di sacrificare transitoriamente il principio dell’oralità che informa il processo del lavoro- un implicito, seppure temporalmente delimitato, mutamento del rito, ancorché per ragioni evidentemente eccezionali e diverse da quelle enunciate nell’art. inibitoria; … Con riguardo alla misura prevista dalla lettera h), si precisa, in altro passaggio della delibera consiliare, “…. Nel settore giudiziario sono intervenuti il D.L. 83 comma 7 lettera h) fa riferimento al “, La disciplina emergenziale regola infatti in modo succinto ma completo la sequenza delle attività proprie dell’udienza a c.d. SOMMARIO: 1. 83, comma 3 lett. E’ il caso di precisare, a riguardo, che l’art. Innovazioni e questioni – 5.1 I termini della trattazione scritta – 5.1.1 Il termine per il deposito delle note scritte – 5.1.2 L’incidenza della sospensione feriale – 5.2 L’applicazione della disciplina ex art. Orbene, per … La proroga all’11 maggio è stata disposta dall’art. 2 D.L. Il Presidente del Consiglio di Stato, con la nota n. 7400 del 20 aprile 2020, ha inviato ai Presidenti di Sezione e dei TAR le note – che fanno seguito ai primi chiarimenti forniti in data 19 marzo 2020 – dirette a favorire un’applicazione omogenea della normativa emergenziale di recente novellata dall’art. Si perviene così a un’interpretazione della norma che, ferma la trattazione scritta, impone il deposito del dispositivo il giorno stesso dell’udienza, ancorché (quest’ultima) non sia stata celebrata. 427, Rilievo, questo, che dovrebbe altresì arginare il rischio, avvertito dai fautori della tesi del necessario deposito del dispositivo nell’udienza a trattazione scritta, del dispiegarsi di effetti invalidanti sull’attività processuale altrimenti compiuta, trattandosi di nullità ricorrente soltanto nel caso in cui la relativa pronuncia venga emessa senza lettura del dispositivo secondo il rito del lavoro, il quale verrebbe qui invece derogato, Nel caso di deposito del solo dispositivo al termine dell’udienza a trattazione scritta, come in origine fissata, può farsi richiamo, In tale prospettiva, che pone l’udienza a trattazione scritta nell’ambito delle misure previste per il settore civile nella sua interezza, la disposizione dell’art. inibitoria; istanza ex art. 1 di 6 La trattazione scritta non partecipata dei giudizi civili ai sensi dell’art. Non esiste un tipo di atto così denominato in “SLpct” non essendo, al momento, previsto dagli schemi ministriali. 83, cit., “…all’adozione di linee guida vincolanti per la fissazione e la trattazione delle udienze” previa interlocuzione con il locale consiglio dell’ordine degli avvocati- e per i magistrati nell’organizzazione delle attività giurisdizionali. Mancando una disposizione che sia specificamente adottata per conciliare, nello specifico ambito delle controversie di lavoro, la risposta all’emergenza sanitaria con la necessità di assicurare il servizio della giustizia, preservando quei presidi essenziali ed indifferibili da assicurare ai cittadini, troveranno de plano applicazione le disposizioni emergenziali approntate per il processo civile unitariamente considerato, ivi compresa la disciplina dell’art. 83 DL 18/2020 - Udienze Civili | Vincenzo Di Maggio 2 La suddetta disposizione prevede che: “Dal 9 marzo 2020 al 30 giugno 2020, negli uffici che hanno la disponibilità del servizio di deposito telematico anche gli atti e documenti di cui all'articolo 16-bis 17 marzo 2020, n. 18, in https://www.magistraturaindipendente.it/come-linformatica-giudiziaria-aiuta-al-tempo-del-coronavirus-una-prima-lettura-delle-dispo.htm. Si potrebbe ritenere che la necessaria presenza del consulente tecnico d’ufficio in udienza, per il prescritto giuramento, sia circostanza ostativa all’applicazione della misura della “trattazione scritta”, consentita per le sole udienze civili che non richiedono la presenza di soggetti diversi dai difensori delle parti. art. Diversamente opinando, laddove ci si orientasse per la redazione del dispositivo e (rispetto all’udienza prefissata) il suo successivo deposito, si finirebbe peraltro col “forzare” il dato letterale dell’art. Dubbi sussistono in ordine alla compatibilità dell’udienza a trattazione scritta con l’accertamento tecnico preventivo obbligatorio e in genere con i casi di conferimento di incarico peritale. 183, co. VI, c.p.c. |F. 83 co. 7 lettera h), cit., norma che intende sostituire all’attività d’udienza la trattazione scritta. 2. Gruppo riservato alle discussioni e problematiche riguardanti SLpct, il redattore atti gratuito per il Processo Civile Telematico. La trattazione scritta è consentita anche per le udienze di discussione ex art. dall’art. [6] Le deroghe apportate si riferiscono alla circolare sulla formazione delle tabelle per il triennio 2017-2019 ed alla circolare del 18 giugno 2018, recante “Disposizioni in materia di supplenze, assegnazioni, applicazioni e magistrati distrettuali per assicurare il regolare svolgimento della funzione giurisdizionale in presenza di difficoltà organizzative”. Si predispone, per ridurre il rischio di diffusione del contagio, un rito emergenziale derogatorio rispetto a quello (civilistico e) lavoristico, donde l’elisione dell’udienza e la sua sostituzione con la trattazione scritta mediante scambio di memorie e successiva adozione “, La disposizione limita l’ambito applicativo all’ipotesi di udienze. Per il periodo compreso tra il 12 maggio al 30 giugno 2020 (c.d. [17] Si è chiarito in giurisprudenza che laddove difettino i presupposti del mutamento del rito, non si determinano profili di nullità della sentenza, posto che la mancata adozione del rito speciale per la trattazione di una controversia individuale di lavoro non determina, in via automatica, una ragione di nullità del procedimento e della relativa sentenza. Andrebbe considerato infatti che il legislatore ha inteso trattare in modo uniforme per esigenze di semplificazione (l’art. 181-309 c.p.c., le quali suppongono lo svolgimento dell’udienza e la mancata comparizione delle parti al cospetto del giudice, come pure non dovrebbe trovare attuazione la disposizione dell’art. : la formula esecutiva adesso è telematica L’articolo è stato realizzato per “Il Quotidiano Giuridico”, il quotidiano di informazione giuridica del gruppo Wolters Kluwer Italia e curato da Cedam, Utet Giuridica, Leggi d’Italia e Ipsoa. h)”. 83, co. 7, lett. Cfr., in motivazione, una risalente pronuncia della S.C. 430 c.p.c., che fa riferimento per il primo grado e per l’appello (cfr. L’udienza a cui sono ammessi i difensori e le parti (“…che possono assistere in silenzio, salvo che non ottengano dal giudice, a mezzo del proprio difensore, l’autorizzazione a interloquire”[13]) è lo spazio di tempo nel quale, in un giorno determinato, sono chiamate e trattate tutte le cause fissate dinanzi a uno stesso giudice, ed è altresì lo spazio di tempo nel quale, in un giorno determinato, il giudice viene a trattare una certa causa[14]. [18] “La sentenza, completa di motivazione, deve essere depositata in cancelleria entro dieci giorni dall'udienza di discussione” (così l’art.